HAPPINESS

Hey folks!

Crampi odiosi allo stomaco. Pacchelle. Nonostante ciò, oggi è stata una bella giornata, raggiante la definirei. Fisica è andata bene. Ho pranzato con G*****A, mia compagna di corso e cara amica, ho fatto un giro in bici (senza farmi ammazzare!) e sono tornata a casina. 

L'evento eclatante della giornata però si è verificato intorno alle 11.30, in metro, quando stavo raggiungendo la mia amica in università. Scaricatosi l'i-pod mi sono trovata costretta ad ascoltare i terribili discorsi di tamarri e milanesi imbruttiti, quando, all'improvviso, di fianco a me, si siedono una ragazzina e un uomo di mezz'età, che iniziano a parlare della felicità, dell'induismo, della vita spirituale e della bellezza di vivere. Parole bellissime che mi hanno fatto spuntare un sorriso.

Pur non avendo discusso direttamente con loro, si sono comunque accorti della mia evidente "partecipazione" e all'uscita della metropolitana mi hanno augurato di trascorrere una buona giornata.

Questo semplice gesto mi ha seriamente illuminato la giornata. A volte abbiamo solo bisogno di qualche raggio di sole per poter sorridere.

Bonne nuit. 

Mao.

NUVOLE

Hey folks!

Milano. Carbonara e torta di mele. Non posso [devo] lamentarmi questa volta. Durante il tragitto in macchina, verso la stazione, sono rimasta incantata dalle bellissime nuvole e dallo scorcio di cielo azzurro che stonava con il grigiore e la nebbia tutt'attorno alle montagne. Oggi è stata una giornata uggiosa e piovosa, ero giù di morale e stanca, ma vi giuro, delle sempicissime nuvole mi hanno reso felice. 

Certe volte non ci accorgiamo della bellezza che ci circonda, paesaggisticamente parlando e non, perchè ne siamo semplicemente abituati. L'abitudine e la noia sono i mali peggiori. 

Ho tanta voglia di passare queste due settimane con i miei affetti, ma al tempo stesso fuggire lontano. Sono in continua contraddizione. Io stessa, per chi mi conosce, sono una contraddizione. In realtà questo aspetto di me non mi infastidisce, anzi, certe volte lo accentuo forzatamente, perchè è un qualcosa che mi rende unica e mi fa sentire speciale. 

Ora vado a letto, spero di sognare tante belle nuvole.

Bonne nuit.

Mao.

SUNDAY SUCKS

Hey folks!

Appena tornata da una serata easy con i compari di avventura, ore 1.49, tanta stanchezza, nausea da alcol, occhi da panda e zero voglia di andare a struccarmi. Amo respirare a pieni polmoni l'aria fredda e profumata del mio dolce paesino, ci stavo giusto pensando poco fa, mentre mi dirigevo verso il portone di casa.

Domani torno a Milano per l'esame di fisica di lunedì (ANGOSCIA) ma poi, finalmente, sono [fottutamente] libera per due settimane. Non vedo l'ora. 

Il sabato sera per me rappresenta sempre una sorta di limbo in cui faccio ciò che voglio a caso, dove non penso assolutamente alle possibili conseguenze della domenica mattina oppure ai vari problemini che mi assillano durante la settiman. MA. Come potete ben intuire, proprio per come vivo il sabato, la domenica fa letteralmente cagare, è il giorno del disagio, della razionaltà, del lavoro arretrato e del pentimento. Odio con tutta me stessa la domenica. Dovrebbero battezzarlo come "il giorno prima dello schifo di inizio settimana". 

Dovrebbe esserci un giorno tra la domenica e il lunedì, ma poi anche questo farebbe schifello e prenderebbe il posto della domenica.  Che disagio.

In ogni caso, adesso come adesso, voglio solo infilarmi tra le coperte e dormire al meglio. Domani mi aspetta una giornataccia. 

Bonne nuit.

Mao.

CARNIVAL

Hey folks!

Oggi giornata di studio intenso. Fisica su fisica su fisica su tanta nanna. Mi sento particolarmente bene, forse perchè è carnevale o forse perchè mi aspettano due settimane di dolce far niente, per le quali sto programmando un bella fuga da qualche parte. Sola soletta.

In questo esatto momento sto aspettando E****O per andare a festeggiare come dei veri grilli canterini e [ballerini] the carnival! Dovrei rappresentare un topolino del 21esimo secolo, ma sembro di più Marilyn Manson sbronzo e fatto. Oh beh, mica male, almeno rappresento qualcuno. 

Devo scappare! Vi saluto con tanto trucco in faccia e un sorriso gagliardo! 

Bonne nuit.

Mao.

EUREKA!

Hey folks!

Oggi è un grande giorno per la scienza, in particolar modo per la mia amata fisica: scoperta delle onde gravitazionali, la cui esistenza era già stata ipotizzata da quel gran fico di Einstein. Queste belle ondine segnalano la possibile esistenza dei buchi neri (yuppi ye anche per il nostro amico Hawking a questo punto), gli scienziati sostengono che queste trasportino informazioni sui fenomeni che diedero origine al Big Bang. WOW. 

Grande giorno anche per la mia autostima amici! Un bel 24 in algebra lineare! Altino nella media della classe. 

Ora Loniterp dei Verdena, serata da larva in casa (quella vera, non a Milano!) e pausa drum a caso. 

[La mia mente galoppa] tra l'apatia totale, che non mi dispiace affatto, e il dramma scenico stile Shakespeare. Siamo piume leggerissime che a volte vogliono solo un colpo di vento fortissimo per sparire del tutto. No? 

Bonne nuit!

Mao.

 

LEAVING

Hey folks!

Domani ho il fatidico esamone di algebra lineare e geometria! Finger crossed! Mi sembra di sapere meglio il foglio illustrativo dell'Oki, ma vabbè, accontentiamoci per questa volta. Tanto sonno e tanta voglia di prendere il primo treno/aereo/tuc-tuc/razzo e viaggiare, non importa dove, non importa come, l'essenziale è partire.

Ieri notte ho sognato la mia ex professoressa di inglese intenta a farmi indossare uno zainone da  viaggio (uno di quelli fighi, completamente accessoriato), dicendomi, molto semplicemente, "GOOO!". Non può essere casuale, che dite? 

Se potessi scegliere, adesso come adesso, andrei in Giappone, principalmente per il cibo buonissimo e la gente tanto bellina e diversa. 

Purtroppo ora devo accontentarmi del mio appartamento a Milano e della mia acerba carriera universitaria che forse (ma dico forse) mi porterà un giorno ad essere una fisica con le [contropalle]. 

Bonne nuit!

Mao.

NEVERMIND

Hey folks! 

"Il suono assordante è il miglior anestetico, tra i fischi del feedback che squagliano il cervello, una sublime estasi dell'ottundimento sensoriale! Una forza oscura prende il controllo e mi libera, dando una direzione alle mie spinte distruttive e ai giochi stupidi del bambino che è in me. Come nel Nirvana dei Buddisti, dove si raggiunge uno stato di grazia in cui tutte le voci del corpo spariscono, completamente azzerate! Poter non sentire più nulla, una tregua da tutte le passioni, ecco cos'è la purezza di spirito". (Nevermind- Tuono Spettinato).

A casa di papà, dopo aver studiato per un esame di algebra che mi sembra tanto difficile quanto scalare il monte Everest con Bear Grylls, mi avventuro nella lettura di "Nevermind", graphic novel incentrato sulla vita dell'idolo della musica grunge: Kurt Cobain. 

In seconda liceo ero letteralmente ossessionata da questa figura rivoluzionaria da punk-rocker e dalla band stessa, leggevo ogni tipo di biografia, qualsiasi trafiletto di Wikipedia e sapevo i testi delle canzoni a memoria. Una groupie insomma. 

Poi è successo di TUTTO, nuovi amici, altri gruppi, un sacco di concerti, nuove fisse, cambio di poster in camera, nuovi cd, altre emozioni... Ed ecco che in pochissimo tempo (meno di 24 ore), solo grazie ad un graphic novel e a un documentario sulla vita di Cobain (Montage of Heck) che mi ripiombano addosso i ricordi e le varie fisse. 

Mica male. No? Il mio i-pod è felice che la pianto di ascoltare le solite tre canzoni dei Verdena e mi concentro su vecchi ascolti. 

Bonne nuit! 

Mao.